Che cos’è la marmitta mongola? Immediatamente vi verrà in mente una marmitta di un auto, ma direi che non ha nulla in comune. Si tratta di una specialità gastronomica della cucina di Pechino.
Abbiamo avuto l’opportunità di assaporare questo gustoso piatto presso uno dei ristoranti situato sulle rive del lago Quianhai del parco di Shichahai. Un locale dall’aspetto molto spartano e poco frequentato da turisti. Cosa assai gradita.
Ci fanno accomodare in una stanza al piano interrato, vicino alle cucine. Come facilmente immaginabile, gli occhi degli altri commensali sono puntati su di noi. Un magro e sdentato cameriere si avvicina e ci accoglie con un improbabile ma apprezzato inglese. Ci porge il menù e ci consiglia cosa scegliere indicandoci le fotografie delle pietanze. Decidiamo di provare la carne di montone tagliata in vari modi. Raccolto l’ordine il cameriere di nome Wei sparisce qualche istante per riapparire dalle cucine con una fumante e strana pentola. Era lei… la marmitta mongola! Ricorda vagamente un vulcano in eruzione perché tra una parte superiore più grande e una parte inferiore più piccola, si trova una canna fumaria che aiuta la trasmissione del calore del carbone di legna al centro della marmitta. Al suo interno del brodo composto da spezie e verdure, perlomeno così crediamo!
Una foto può aiutare a capire meglio di cosa si tratta!

Wei torna al tavolo con due grandi piatti di carne di montone, due ciotoline con della salsa color senape tendente al marrone, della verdura e del tofu. Ci intenerisce il modo in cui con estrema delicatezza il gentile cameriere prende le bacchette per spiegarci la modalità per gustare questa leccornia orientale che tanto ricorda una fondue!
Una volta prese la carne la si immerge nel brodo, si attende un po’ e la si intinge nella salsa che al nostro gusto ricorda degli arachidi. Ancora oggi ignoriamo di cosa fosse composta!
I sapori che deliziano il nostro palato ci entusiasmano!

Alziamo gli occhi e notiamo una pannello, scritto sia in cinese che in inglese, in cui viene raccontata la leggenda di questo piatto. Facciamo un tuffo nel passato.
Secondo la tradizione, la marmitta mongola sarebbe stata inventata da Gengis Khan.
Durante le lunghe battaglie intraprese dai mongoli, l’esercito dovette affrontare un periodo di digiuno. Il condottiero mongolo ebbe fame ed ordinò al cuoco di campo di preparare del cibo per le truppe. Quest’ultimo non trovò altro che dei montoni. Allora Gengis Khan gli ordinò di tagliare la carne a fettine e di farla bollire nell’acqua insaporita da spezie, consumandola poi immersa in alcune salse. Dopo aver mangiato a sazietà i guerrieri ritrovarono le forze e vinsero la battaglia.
Per questo motivo la marmitta mongola si è tramandata fino ad oggi diventando un piatto tradizionale e famoso della cucina cinese.

Abbiamo provato a cercare il locale sulle mappe di google, ricordandoci poi che in Cina non viene utilizzato e quindi presumibilmente non vi sono numerose indicazioni sui locali.
Abbiamo però fotografato il nome ristorante, naturalmente in cinese! Di seguito vi riportiamo una mappa con l’indicazione generica di dove è collocato questo ristorante, nel caso vi avessimo fatto venire voglia di provare la marmitta mongola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu