Valdobbiadene, Montello, Cansiglio: un itinerario nel verde

Nessun commento

Vi trovate in Veneto, nella provincia di Treviso e non sapete cosa fare? Ci pensiamo noi ad organizzarvi la giornata.
Vi proponiamo un itinerario all’insegna del relax, della natura, del divertimento e perché no… anche della cultura.
Un percorso tra strade più o meno asfaltate che si diramano dall’ubriaca Valdobbiadene, passando per il rigoglioso Montello fino a giungere ai piedi del Cansiglio.
Nella mappa vi riportiamo il tragitto che abbiamo fatto personalmente mentre eravamo a bordo di una vespa rosso fuoco noleggiata da Paolo, il proprietario di Vespa Rent Dolomiti.

Non serve necessariamente muoversi in vespa, tutti i mezzi di trasporto sono ben accetti: auto, bicicletta, le proprie gambe, un monopattino o un vecchio biciclo. In questo modo varia solamente la durata della gita fuori porta e la preparazione fisica che ne consegue!

In breve vi riassumiamo le varie tappe. Noi siamo partiti da Vittorio Veneto ma il tragitto è comunque realizzabile da qualsiasi luogo.

ROLLE : una piccola frazione di Valdobbiadene che cattura lo sguardo per i numerosi filari di vigneti disposti su delle pendenti colline. Lì viene prodotto il nostro prosecco brut preferito. Avete mai sentito parlare della Cantina Vigne Matte?! Meglio non trovarla aperta, altrimenti metterete lì le radici…

Rolle, frazione di Valdobbiadene
Mulinetto della Croda

IL MULINETTO DELLA CRODA a Refrontolo: una visita veloce ad un antico Mulino risalente al XVII secolo che ha come compagna di banco una zampillante cascata.

IL MONTELLO: questo modesto rilievo montuoso è costellato da numerose strade di presa che si inerpicano lungo un fianco della collina e ridiscendono dal lato opposto. Percorrendole proverete la sensazione di essere avvolti dal bosco circostante. Questi luoghi sono stati teatro dei più sanguinosi combattimenti durante la prima guerra mondiale.

L’OSTERIA AI PIOPPI: questo luogo, situato nei boschi del Montello, meriterebbe un articolo a parte perché risveglia l’eterno Peter Pan che c’è in noi. L’Osteria ai Pioppi è diventata famosa in tutto il mondo perché ospita un parco giochi gratuito con circa 40 attrazioni, interamente costruite a mano, omologate e non a motore. Potrete mettere alla prova le vostre abilità nei numerosi giochi presenti. Una raccomandazione: vestitevi comodi perché, se avete intenzione di divertirvi, è facile sporcarsi!
Vi consigliamo di fermarvi qui per il pranzo: mangerete dei piatti molto semplici e gustosi, come il baccalà alla vicentina. Vi sembrerà di essere ad una sagra e i prezzi sono mediamente bassi.

Osteria ai pioppi nei boschi del Montello
Ossario a Nervesa della Battaglia

L’OSSARIO DELLE VITTIME DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE a Nervesa della Battaglia: percepirete la solennità del silenzio in questa struttura cubica in cui sono custodite le salme dei caduti durante il conflitto. All’interno è stato allestito anche un piccolo museo che raccoglie vari reperti e notizie e potrete ammirare il paesaggio che fu al centro dei combattimenti dallo stesso mausoleo.

LE GROTTE DEL CAGLIERON a Fregona, ai piedi del Cansiglio: un complesso di cavità da cui l’acqua sgorga copiosa attraverso numerose cascate e anfratti. Un vero spettacolo naturale che ricorda un paesaggio tropicale.

grotte del caglieron

Verde, verde e ancora verde ….il colore che avrete visto di più in questa piena e frenetica giornata. E adesso non vi resta che riposare. Cosa ne pensate di questo itinerario? Attendiamo le vostre opinioni!

, , , , ,

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu